Un’isula à l’abbandonu

Sò parechji i scritti chì ci parlani di i scumpienti di i Mori in Corsica. Lasciati libari di i so azzioni da a poca difesa missa in baddu da i Carulingi, dopu l’affundata di u regnu Longhibardu, i Mori pigliani u pusessu di a costa corsa è di certi lochi di l’internu. L’isula ghjova da portu da attaccà l’altri paesi di u Maritarraniu, è da riserva di schiavi.

Una parti impurtenti di i Corsi piglia a strada di l’isiliu difinitivu versu Roma è a Tuscana (Portu/Ostie)

In l’annali carulingi, truvemi uni pochi di scritti cunfirmendu una ricunquista :

Tucchemi avà u principiu di a ricunquista cristiana, cù i so virità storichi è i so lighjendi à buleghju.

DA TENA À MENTI

Da a fini di u regnu Lunghibardu sin' u IXmu seculu, a Corsica h guasgi l'abbandonu. I Mori so prisenti in Corsica ci facini schiavi assai. L'isula sar libarata da l' armati mandati da u Papa.